Come era stato richiesto a novembre dall'Antitrust, il consorzio Bancomat si è attivato per la diminuzione delle commissioni interbancarie riguardanti i servizi di incasso elettronico e di prelievi contanti presso gli ATM con lo scopo di alleggerire le spese del conto corrente.

Il sito dell'Antitrust ha pubblicato gli impegni presi da Bancomat e ABI, con i quali i due enti si impegnano a rendere effettivi i tagli entro 60 giorni dalla data della pubblicazione del provvedimento. Secondo queste nuove procedure, la commissione interbancaria PagoBancomat scenderà da € 0,13 a € 0,12 (più lo 0,1579% del valore della transazione) per operazione, mentre la commissione interbancaria per il prelievo Bancomat, attualmente fissata a € 0,58, sarà portata a € 0,56.

Altri tagli importanti riguardano il Rid veloce che passerà da € 0,35 a € 0,26, così come il servizio Riba incasso scenderà da € 0,57 a € 0,46.
Il consorzio Bancomat si impegna, inoltre a svolgere una prima rilevazione dei costi entro il 30 giugno 2012 e quelle successive con cadenza biennale, tenendo conto delle eventuali efficienze che caratterizzeranno il sistema.
A partire dall'1 settembe 2010 gli esercenti potranno trattare condizioni diverse con altri circuiti, dando vita a nuove formulazioni contrattuali.

Non solo Bancomat, ma anche Visa Europe ha annunciato un ridimensionamento dei costi, in vista delle sollecitazioni della Commissione europea. I tagli di Visa andranno a toccare le commissioni interbancarie multilaterali applicate ai pagamenti transfrontalieri con carta di debito, che scenderanno del 30%, mentre i pagamenti nazionali saranno diminuiti del 60%. Le commissioni interbancarie scenderanno allo 0,20% del prezzo finale del prodotto o servizio per ogni pagamento effettuato. Lo scopo è quello di diminuire i costi per i consumatori finali, con un taglio che va a toccare direttamente le spese vive dei conti correnti.

Per conoscere quale conto corrente risponde maggiormente alle proprie esigenze, e vedere quali spese prevede, è bene effettuare un confronto tra le diverse opzioni proposte dagli istituti di credito.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento