Il conto corrente lo strumento che permette di utilizzare moneta bancaria e elettronica dal prossimo mese cambierà pelle.

Dal 26 maggio grazie a Banca d'Italia infatti, per quanto riguarda il conto corrente entreranno in vigore nuove regole sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari. Ottima notizia per gli utenti che avranno il loro conto corrente più trasparente, più sicuro e più economico. I costi relativi al conto corrente infatti saranno inferiori a quelli di oggi, ritenuti troppo cari da almeno l'80% dei risparmiatori italiani.

Dal 26 maggio, data in cui entreranno in vigore le norme volute da Banca d'Italia, tutte le banche saranno tenute a mostrare nei fogli informativi disponibili in tutte le banche, l'ISC l'indicatore sintetico di costo del conto corrente. Questo indicatore permetterà ai clienti di capire il costo annuo immediatamente, attraverso la lettura di un solo numero. Questa operazione oggi invece prevede procedure lente, sommando i costi di ogni proposta, tenendo conto di quasi tutte le spese variabili stimate.

Le banche dovranno rendere il conto corrente più chiaro e facile da usare, soprattutto per quanto riguarda il costo annuo e la trasparenza dei diversi servizi del proprio conto corrente, come l'accredito di stipendio accredito dello stipendio, carta di credito, mutuo per la casa, la gestione del fido. Per semplificare l'operazione conto corrente, Banca d'Italia ha elaborato sette profili standard di clienti che permetteranno al correntista di confrontare il proprio ISC effettivo, con quello di un profilo tipo predeterminato dalla banca.

Per confrontare e capire meglio quale conto corrente potrebbe essere adatto alle proprie esigenze, è utile consultare il sito www.supermoney.eu.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento