Il nuovo modo di aprire un conto corrente? Le Banche del Tempo sono un'ottima soluzione. Le BdT, nate in Emilia Romagna nel 1988, sono libere associazioni tra persone che si scambiano gratuitamente tempo per aiutarsi nelle piccole necessità quotidiane.

In ambito bancario, funzionano come veri e propri istituti di credito: aprono conti correnti, emettono assegni e spediscono estratti conto, ma gestiscono tempo, non denaro. Attualmente, in Italia, si contano trecento Banche del Tempo e i correntisti sono circa 20 mila. La maggior parte di chi possiede un conto corrente è un lavoratore (21,7%), pensionato (12,60%), casalinga (19,8%), studente (14,50%) o disoccupato (12,60%). Il 59,36% ha più di 55 anni, il 28,62% ha un'età compresa tra i 36 e 54 anni, il 12,02% ha meno di 35 anni.Iaprire un conto corrente? Le Banche del Tempo sono un'ottima soluzione. Le BdT, nate in Emilia Romagna nel 1988, sono libere associazioni tra persone che si scambiano gratuitamente tempo per aiutarsi nelle piccole necessità quotidiane.

Chi desidera aprire un conto corrente presso la Banca del Tempo deve sostenere un colloquio, spiegare le proprie capacità e comunicare la disponibilità per un certo numero di ore. Ad iscrizione avvenuta, si apre un conto corrente e si riceve un libretto di assegni, necessario per effettuare gli scambi: ogni volta che si forniscono delle ore, chi ha ricevuto il servizio stacca un assegno con il numero di ore della prestazione ottenuta. Quando sarà lui ad avere bisogno di un servizio, il tempo utilizzato per ciò che gli serve sarà scalato dalle ore versate in precedenza.

Ogni socio, dunque, mette a disposizione qualche ora per fornire ad un altro socio una certa competenza. Le ore "date" vengono calcolate e accreditate (o addebitate) nella Banca. In questo modo può accadere che non sia la stessa persona a "rimborsarle", ma un'altra. Se questo metodo, seppur innovativo e simpatico, ancora non vi convince, potete avvalervi del servizio di confronto conti on line offerto da SuperMoney, il portale che consente di scegliere tra le proposte di molti istituti il conto corrente più adatto alle proprie esigenze.

Ipotizzando di voler aprire un conto on line, con un saldo attivo di 2.000 euro, un profilo di operatività media e accredito dello stipendio sul conto, la scelta migliore, a costo zero, sarebbe conto arancio di ING Direct. Al secondo posto troviamo conto corrente Fineco, a 12,2 euro l'anno.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.