Banche e conti correnti non sono più argomenti solo da genitori: anche i giovani si interessano al mondo del risparmio. La conferma del trend arriva da una recente ricerca condotta da Ipsos per Intesa Sanpaolo: il 60% dei giovani gestisce il proprio denaro tramite conto corrente.

Le banche seducono la fascia under 30 con offerte di conti correnti a basso costo e gestibili comodamente via internet, senza l'obbligo di recarsi allo sportello: in questo modo, il conto corrente "diventa facile" e accessibile.

Gli istituti di credito ammaliano anche gli under 18 con conti correnti studiati ad hoc, spesso completamente gratuiti (tranne le imposte di bollo), che includono bancomat e accesso all'area di internet banking e, in futuro, la possibilità di accredito dello stipendio e addebito delle bollette.

Il conto corrente arriva ad interessare anche la fascia di utenza 13-17 anni: si tratta di soluzioni a costo zero collegate ai circuiti bancomat Pagobancomat e Maestro; dotate di funzione on/off per consentire, con buona pace dei genitori, di abilitare e disabilitare il conto corrente, e stabilire i limiti di spesa.

Altri istituti di credito pensano al target 14-18, con conti correnti alimentati obbligatoriamente tramite un giroconto mensile: una vera e propria "paghetta" elettronica dal conto corrente dei genitori con un importo stabilito al momento dell'apertura del rapporto.

Le offerte di conti correnti presenti sul mercato sono numerose, così, se siete indecisi riguardo a quale prodotto di risparmio affidare i soldi della prole, potrete avere una panoramica dei migliori conti correnti disponibili grazie al servizio di confronto conti on line offerto da SuperMoney, il portale che consente di scegliere tra le proposte di molti istituti di credito il conto corrente più adatto ad ogni esigenza.

Ipotizzando di voler aprire un conto corrente con un saldo attivo di 500 euro, profilo di operatività bassa e utilizzo on line, la scelta migliore sarebbe Conto Fineco, conto on line a 29,1 euro l'anno (conto con un tasso di interesse attivo pari all'Euribor un mese meno spread dello 0,25%, che permette di ridurre le spese). Altri conti correnti interessanti sono conto arancio di ING Direct, conto IWBank e conto Webank per i quali è richiesto solamente il pagamento dell'imposta di bollo pari a 34,2 euro annui. Al quarto posto troviamo Conto Corrente CheBanca a 46 euro annui.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.