Il conto corrente è un prodotto di risparmio sicuro, ma le troppe spese, talvolta, portano i clienti a spendere più soldi di quanti, in realtà, ne abbiano depositati. Se il comportamento dovvesse ripetersi nel tempo, potrebbe far nascere seri problemi con l'istituto bancario.

Quando si parla di scoperto nel conto corrente si fa riferimento ad una tipologia di finanziamento che le banche concedono ai privati o alle aziende. Lo scoperto di conto corrente bancario, definito anche "scoperto di cassa" o "fido di cassa", è uno strumento che consente al cliente di sopperire ad una "momentanea" mancanza di liquidità. Lo scoperto di conto corrente, complice la semplicità d'uso, è una pratica largamente diffusa in Italia: attenzione, però, i rischi, per entrambe le parti, si nascondono dietro l'angolo.

L'apertura di credito nel conto corrente è utile quando bisogna affrontare temporanee mancanze di liquidità o nei momenti di diminuzione degli incassi. L'apertura di credito nei conti correnti non deve essere mai richiesta per finanziare un'attività in modo prolungato, sia per ragioni legate al costo (sicuramente più elevato di un conto corrente tradizionale), ma anche perché persistere in una situazione di "rosso" su più esercizi commerciali danneggerebbe l'azienda.

Nello specifico, si verificano tre situazioni nelle quali si richiede lo scoperto del conto corrente: credito in conto corrente ordinario, credito per elasticità di cassa, credito stagionale. Nel caso di credito in conto corrente ordinario, il cliente, nei confronti della banca, ha una situazione quasi sempre negativa: si tratta della condizione peggiore. Il caso dell'apertura di credito per elasticità di cassa è la situazione ideale, o almeno dovrebbe rappresentare la norma: il cliente ricorre all'uso del credito solo in casi particolari, e i saldi, nel tempo, si alternano tra valori positivi e negativi. Lo scoperto del conto corrente in modalità credito stagionale è una situazione legata agli squilibri monetari causati dalla stagionalità del lavoro: in determinati periodi dell'anno le uscite sono superiori alle entrate.

È bene tenere presente che sugli interessi addebitati mensilmente dalla banca, matureranno altri interessi, e la medesima situazione si verificherà con la commissione di massimo scoperto o "cms". Questa condizione è nota come "anatocismo" e, il calcolo degli interessi in regime di capitalizzazione composta, determina una crescita esponenziale del debito. Questo è il motivo principale che dovrebbe spingere un utente a considerare con molta attenzione l'apertura di credito dei conti correnti.