Il 2011 ha portato via molti risparmi degli italiani e per il nuovo anno molte sono le preoccupazioni per chi deve gestire la propria liquidità. Tra le possibilità più vantaggiose per i risparmiatori ci sono i conti deposito, depositi bancari con elevati tassi di rendimento e rischi quasi nulli e i BoT, i Buoni Ordinari del Tesoro, che sono emessi dal Governo Italiano per finanziare il debito pubblico del Paese.

Nell'ultimo anno le banche, per cercare di reperire nuova liquidità a basso costo, hanno alzato molto i tassi dei conti deposito per attirare nuovi clienti con la sicurezza di elevati guadagni. Nello stesso periodo i rendimenti dei BoT sono cresciuti a dismisura, di pari passo con la tensione sul debito italianio. Difficile prevedere cosa accadrà nei prossimi mesi, ma i tassi elevati registrati a fine 2011 non dureranno per sempre. I rendimenti dei BoT appaiono già ridimensionati rispetto alla fine di novembre; inoltre la Bce ha garantito il massimo impegno per reperire nuova liquidità alle banche, che una volta superata la crisi di liquidità potrebbero dimostrarsi meno generose sui conti deposito.

Per il momento, comunque, la situazione dei conti deposito appare ancora piuttosto favorevole sia per quanto riguarda i tassi, che si mantengono elevati, sia per il fatto che la tassazione dal primo di gennaio è passata dal 27% al 20% per tutti gli interessi maturati a partire dal 2012, per i cui i rendimenti per i risparmiatori saranno ancora maggiori. La redditività però non è tutto. Per una scelta consapevole è necessario valutare anche altri aspetti di questi strumenti, come la possibilità di svincolare in anticipo i propri soldi: i conti deposito con i rendimenti più elevati, per esempio, prevedono un vincolo di diversi mesi durante i quali non è possibile prelevare le somme depositate senza perdere gli interessi maturati. Anche i rendimenti dei Buoni fruttiferi postali che consentono di ottenere la restituzione del capitale investito in qualunque momento offrono interessi di gran lunga inferiori a quelli dei titoli bloccati per un tempo maggiore.

Tutto considerato, questo momento appare ancora propizio per chi vuole aprire un conto deposito. Per tenere monitorato il mercato dei conti deposito e scegliere quello più conveniente e adatto alle proprie esigenze, il consiglio è di consultare il sito di SuperMoney che, mettendo a confronto le offerte di molte banche, può essere un valido strumento per comparare e valutare in modo veloce e trasparente le varie proposte di conti deposito che sono attualmente sul mercato.