Banca Unicredit, arriva il denaro di Caltagirone Editore

-

Caltagirone Editore esce repentinamente da Mps ed entra con circa l'1% in Banca Unicredit. Andiamo a capire le motivazioni di questo cambiamento.

immagini

Banca Unicredit: più sicura perché in mani straniere? Caltagirone in Unicredit

Caltagirone Editore entra in Banca Unicredit con passo repentino. Scelta che pare oculata e ponderata bene visto che, se da una parte si prospetta un futuro difficile per gli istituti bancari in Italia, dall'altra Unicredit è al 70% in mani estere. Caltagirone ha accelerato la mossa rischiando anche di perdere denaro dall'uscita veloce (che è assomigliata più a una fuga) da Montepaschi di Siena. Ma andiamo ad analizzare la mossa anche alla luce delle domande che si possono porre persone che hanno investimenti, un conto corrente o un conto deposito presso uno dei due istituti in questione.

Francesco Gaetano Caltagirone ha dovuto rendere conto agli azionisti della Caltagirone Editore della scelta di entrare nel nuovo istituto, Banca Unicredit, dove ore detiene partecipazioni per poco meno dell'1% e dove ha proposto il figlio per un ruolo nel consiglio di amministrazione. Il numero uno di Caltagirone Editore, come riporta l'agenzia Reuters, ha così commentato: "Mi dispiace per chi mi giudica decotto, ma in dieci giorni dell'aumento di capitale siamo riusciti a uscire da Mps ed entrare in Unicredit spostando l'equilibrio nelle partecipazioni in un modo che secondo il nostro punto di vista può darci posizioni più protettive. L'uscita da Mps è stata un'idea nostra, condivisa dalla nostra direzione, che in Italia non sarà facile nei prossimi anni per il settore bancario e che tra Mps, completamente radicata in Italia, e Unicredit al 70% radicata soprattutto all'estero, fosse preferibile la seconda per affrontare la congiuntura".

Inoltre, Caltagirone ha voluto aggiungere ulteriori chiarimenti sulla scelta di entrare in Unicredit: "In una situazione difficile per il credito nel mondo e in Italia, investire in una banca presente in mercati emergenti dove non ci sono questi problemi è un vantaggio". Solo il tempo dirà se questa sia stata una scelta opportuna oppure meno: alcuni azionisti hanno gioito, altri meno.

TAG conto corrente, conto deposito

Cosa ne pensi? Aggiungi un tuo commento