In crescita il numero di consumatori e aziende che si affidano ai servizi bancari online per gestire il proprio capitale. A confermarlo i dati comunicati dall'Abi nel settimo rapporto sulla "Multicanalità delle banche", secondo cui i conti correnti online sarebbero ormai 17,3 milioni, il 12% in più rispetto al 2011.

I motivi del successo che le banche online riescono a riscuotere tra i correntisti vanno ricercati nella possibilità di risparmio garantita dal web. Non esistono, infatti, spese di gestione in quanto gli stessi istituti di credito non impiegano forza lavoro, né uffici appositi. Un altro incentivo all'uso di internet risiede nella comodità e nella sicurezza garantite dai servizi bancari online. Il correntista può, infatti, gestire, tutte le principali operazioni bancarie 24 ore al giorno, non solo da casa ma anche dal proprio smartphone. L'operatività è, inoltre, tutelata da un sistema di protezione dati certificato Verisign a 128bit. Un vantaggio, dunque, in termini di denaro, ma anche di tempo, se si pensa che, stando sempre ai dati ABI, in media ogni conto effettua 1,5 accessi a settimana, pari a circa 64 in dodici mesi, ovvero a oltre due mesi l'anno dedicati alle file agli sportelli.

Esistono diversi tipi di conto correnti online che consentono di effettuare operazioni bancarie da casa o dall'ufficio tramite collegamento telematico. Il conto corrente online "puro" offre servizi bancari esclusivamente online, mentre il conto corrente tradizionale con servizi di home banking offre soluzioni di gestione online, ma le operazioni principali devono comunque essere effettuate allo sportello. Esistono, infine, i conti online collegati a conti deposito, in cui il capitale versato può essere liberamente prelevato o vincolato per 3 o più mesi con rendimenti interessanti.

Per scegliere il conto ideale per gestire il proprio capitale è necessario innanzitutto tener conto delle proprie esigenze di risparmio e valutare con attenzione i costi di apertura e di mantenimento, le spese per le operazioni bancarie, la modalità di comunicazione con l'istituto e la sicurezza garantita per le transazioni. Altro parametro da verificare è il tasso di interesse, spesso più alto di quello offerto dalle banche tradizionali. Ma soprattutto bisogna sempre valutare che i prodotti offerti dalle banche online sono convenienti solo per gli utenti abili sul web che sono in grado di gestire in piena autonomia le proprie operazioni.