La scelta del conto corrente non è un momento da sottovalutare. Ci sono, infatti, diversi elementi da considerare per trovare la proposta che più si adegua alle proprie abitudini bancarie e contenere così le spese di gestione. Ecco i consigli di SuperMoney.

Da solo o in compagnia?
Quante persone useranno il conto corrente? Le necessità di un single, di una famiglia, di un ragazzo e dei pensionati sono molto diverse fra loro. Ciò vuol dire che non tutti i correntisti effettuano lo stesso numero di operazioni sul conto. Scegliete quello che vi offre la massima operatività a fronte del minor costo se siete in tanti; optate per un conto che fa pagare le singole operazioni se il titolare del conto è uno solo ed effettua pochi movimenti.

In filiale oppure online?
Avrete il tempo (e la voglia) di recarvi in filiale ogni volta che dovrete disporre un bonifico, effettuare un versamento o altre operazioni? Alcuni conti possono anche essere aperti online, senza recarsi presso la banca. Se scegliete di amministrare il conto tramite internet banking ridurrete anche i costi del canone.

Carte: sì o no?
Sì: il bancomat. È indispensabile per prelevare contanti in Italia e all'estero, oltre che per pagare in tutta comodità presso quasi tutti gli esercizi commerciali. Sì: la carta di credito, se potete gestire il rimborso delle rate. No: la carta di credito, se disponete di somme poco elevate. Meglio una ricaricabile prepagata nel caso vi serva solo per gli acquisti online. Scegliete il conto anche in base al canone annuale previsto per ognuna della carte che deciderete di abbinare.

Bollette comode
Sul conto corrente potete attivare la domiciliazione RID delle bollette, ovvero l'addebito automatico delle utenze (telefono, luce, gas, pay tv, ecc). Questo servizio ha costi diversi a seconda della proposta della banca. Se preferite che le bollette "si paghino da sole", valutate l'opportunità di aggiungere questa opzione al vostro conto corrente.

Mi fido?
Potreste aver bisogno di disporre di più denaro nei momenti di difficoltà. Per questo, aprendo un conto corrente potete chiedere un fido, ovvero una somma che la banca mette a disposizione quando si va in rosso. Può diventare anche molto costoso a causa degli interessi applicati. Informatevi bene su costi e condizioni.

Full optional
Al conto corrente potete associare anche un dossier titoli, per gestire i vostri investimenti azionari, o una cassetta di sicurezza, per custodire oggetti di valore. Esaminate bene i costi di questi extra e confrontateli con le vostre reali necessità.