A distanza di oltre tre mesi dal sisma che ha colpito l'Emilia Romagna, è tempo dei primi bilanci. Lo stato di emergenza resta elevato, ma intanto le popolazioni stanno abbandonando i campi per nuove sistemazioni, mentre non si ferma la solidarietà di cittadini e istituzioni per le province terremotate. Il conto corrente aperto dalla Provincia di Modena subito dopo la forte scossa del 20 maggio ha raggiunto lo scorso 6 settembre quota 520 mila euro, una somma importante che si deve all'impegno e alla generosità di banche e privati.

Tra i contributi più recenti si segnalano i 10 mila euro donati da Monte dei Paschi di Siena, altrettanti frutto di una raccolta fondi organizzata dal Comune di Maranello, un versamento in memoria di Bruno Tinti a favore dei bambini terremotati, una donazione dei dipendenti della Vigilanza La Patria e una delle guardie giurate Civis di Venezia. Anche Banca Mediolanum ha predisposto un conto corrente dedicato attraverso il quale raccogliere donazioni da destinare all'emergenza.

Ma gli aiuti per sostenere le popolazioni colpite dal sisma non sono mai abbastanza. Per questo la Provincia di Modena ha deciso di mantenere aperto il conto corrente, attivo presso la filiale modenese di Unicredit. Chiunque volesse sostenere l'iniziativa può versare i contributi alle seguenti coordinate: C.C. intestato a intestato a "Provincia di Modena - interventi di solidarietà" - Iban IT 52 M 02008 12930 000003398693. Per i versamenti dall'estero occorre far precedere l'Iban dal codice Swift UNCRITMM.