Gli aggiornamenti Forex danno l'euro in leggera ripresa rispetto a ieri, scambiato stamane a Piazza Affari a 1,2764 dollari. Tuttavia, non ha ancora raggiunto il livello registrato venerdì scorso (1,2815 dollari), il massimo registrato negli ultimi quattro mesi.

La moneta unica è sotto pressione su tutti i mercati, complici gli sviluppi di politica economica dell'eurozona e quelli di politica monetaria negli Stati Uniti. Gli analisti sostengono che l'euro rimarrà su livelli accettabili fin quando la Federal Reserve proseguirà con la sua politica di "quantitative easing", ovvero fino a quando continuerà a stampare moneta, tenendo alta l'inflazione.

Ma gli occhi sono tutti puntati su Karlsruhe, dove la Corte Costituzionale tedesca si pronuncerà domani riguardo alla legittimità del Fondo salva-stati. Le previsioni puntano su un sì netto, che ridarebbe vigore all'euro.