Come hanno rivelato diverse fonti, nell'ultimo biennio le banche italiane hanno aumentato i costi dei conti correnti addirittura del 36%.

Considerando il tutto al netto dell'inflazione, le banche hanno messo a punto conti correnti mediamente più cari del 15% all'anno. Il Corriere delle Sera riporta uno studio dell'Università Bocconi che mette in luce -l'aumento spesso ingiustificato dei conti correnti. Infatti, tali rincari superano di gran lunga l'aumento medio del costo della vita.

Tale aumento non sembra poter essere giustificato con qualcosa di concreto se non con l'atteggiamento poco chiaro delle banche che probabilmente tendono a scaricare alcune problematiche direttamente sui correntisti. E ora in molti si domandano di quanti aiuti dalla Bce o quanti sacrifici dei clienti le banche necessitino ancora. O forse è semplicemente utile e comodo cavalcare l'onda?