Per mettere al sicuro i propri risparmi di solito si ricorre o ad un libretto di risparmio o ad un conto deposito. Per entrambi è necessario aprire un conto a deposito risparmio ma tra i due ci sono delle differenze sostanziali e interessano soprattutto la gestione dei fondi depositati e il tasso promozionale.

Il libretto di risparmio è cartaceo e su questo vengono annotate tutte le operazioni che vengono effettuate sulla somma depositata: può essere gestito solo recandosi allo sportello, mentre il conto deposito può essere gestito online con tutte le comodità del caso.

Un'altra differenza sostanziale sulle due tipologie di risparmio riguarda il tasso di interesse che, nel caso del conto deposito, è superiore rispetto al libretto di risparmio: quest'ultimo è vicino allo 0%, mentre per quanto riguarda il conto deposito può essere anche il 4,7% del lordo.

Ecco le principali caratteristiche del libretto di risparmio e del conto deposito. Per quanto riguarda il libretto di risparmio:

  • Come già detto, ha tassi di interesse più bassi rispetto al conto deposito, quindi da questo punto di vista è più conveniente;
  • per fare qualunque tipo di operazione bisogna recarsi di persona allo sportello;
  • può essere gestito solo ed esclusivamente dal titolare.

Il conto deposito:

  • Si può gestire da casa, grazie alla connessione Internet;
  • permette di effettuare solo tre tipi di operazione cioè versamenti, prelievi e vicolo delle somme.

Quali sono le caratteristiche che uniscono entrambi i servizi?

  • Non hanno costi relativi alla loro gestione o alla apertura/chiusura;
  • Subiscono una ritenuta fiscale del 20%.