Davvero una brutta sorpresa per i moltissimi italiani che sono titolari di un Conto BancoPosta Più, uno dei più richiesti conti correnti postali: l' istituto ha infatti deciso unilateralmente, dandone avviso tramite una lettera ai suoi clienti, di aumentare i costi del canone annuo di tale conto, di alzare i costi per i bonifici, di non dare più gratis il libretto degli assegni.

Nel dettaglio, i maggiori costi per il Conto BancoPosta Più sono i seguenti:

  • Canone annuo che passa da 30,99€ a 48€, ovvero il 60% in più
  • Bonifici allo sportello: da 2,5€ a 3,5€, ovvero il 40% in più
  • Libretto degli assegni: da gratuito costerà ora 10€

Per quel che riguarda l' aumento del canone, Poste Italiane ribadisce che comunque questo conto corrente rimane tra i più convenienti del mercato italiano: i suoi costi non venivano ritoccati verso l' alto da ormai 12 anni e si sono resi necessari dati gli aumenti delle spese di gestione, delle tasse e dell' Iva; gli altri due aumenti invece sono nell' ottica di disincentivo delle operazioni allo sportello e cartacee a favore di quelle on line.

Sempre per favorire l' internet banking e la moneta elettronica, la carta Postamat (il bancomat del Conto BancoPosta) vede il canone annuale di 10€ azzerarsi completamente.

Non sono mancate le proteste delle associazioni dei consumatori che sottolineano come, pur essendo d'accordo che non si tratta di grossi aumenti, vadano ad incidere su un prodotto come il conto corrente che sta già subendo diversi aumenti di spesa e che, nel caso specifico del Conto BancoPosta Più, è utilizzato da molte persone a basso reddito.