Problemi o domande sul conto corrente? Oggi puoi twittare o taggare la tua banca. Il rapporto degli italiani con gli istituti di credito, infatti, viaggia sempre più via Facebook e Twitter: i social network rappresentano la nuova frontiera in ambito customer care, anche perchè prolungano gli orari di attività degli sportelli ben oltre il classico 9-18, estendendoli anche ai week end.

A fotografare la nuova tendenza è un'indagine KPMG dedicata al social banking: lo studio si basa su ECCE/Customer, un'innovativa soluzione di social CRM basata sulla piattaforma Decisyon che monitora in tempo reale l'engagement sociale e la brand reputation sui social media. Un trend che interessa oltre 710.000 italiani, tra fan e follower.

Gli sportelli social degli istituti bancari non chiudono alle 14, e non si fermano nel fine settimana: su Facebook la loro attività quotidiana supera la media dalle 6 alle 19 e su Twitter dalle 8 alle 19, proseguendo poi a minore intensità nelle ore notturne. Nei weekend producono 200 attività al giorno in media.

Ma quali sono le banche più seguite sui social? Nella classifica delle fanpage Facebook, Poste Italiane si attesta come leader assoluto, con un totale di 146.301 fan per la pagina ufficiale e 6.798 per la pagina dedicata a Postepay. IBL Banca ottiene il secondo posto con 97.634 fan. Al terzo posto UniCredit Italia, seguita da Che Banca! e da una delle fanpage di BNL (BNL People).

Nella classifica degli account con più follower su Twitter, FinecoBank ottiene così il primo posto con 4.718 follower, seguita da Ing Direct Italia con 3.263 e Webank, che si classifica terza con 2669 follower.

I termini più usati su Facebook da parte dei fan, nel mese di aprile sono stati conto, carta, codice, poste, devo, sapere, possibile: essi lasciano presupporre che i fan, clienti o potenziali, ricorrano appunto al social network come canale alternativo di customer care.