Il 29% degli italiani over 15, pari a quasi 15 milioni di cittadini, è sprovvisto di conto corrente. Il dato, record assoluto in Europa, proviene da un'elaborazione effettuata dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre.

Gli abitanti del Bel paese preferiscono tenere i loro risparmi sotto il classico materasso piuttosto che affidarli ad un istituto di credito? Le motivazioni alla base di questa scelta sono molteplici, ma riconducibili a due grandi categorie: da una parte ci sono ragioni storiche e culturali ancora molto diffuse in alcune aree e fasce sociali del Paese, dall'altra una diffusa diffidenza nei confronti delle banche.

"Molte persone di una certa età - spiega Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia - e con un livello di scolarizzazione molto basso preferiscono ancora adesso tenere i soldi in casa, anziché affidarli ad una banca". Inoltre, in Italia è ancora molto praticato il pagamento in contanti: i tantissimi cittadini che ricorrono ancora quotidianamente a questa modalità hanno la necessità di avere i soldi sempre a portata di mano.

Inoltre, prosegue Bortolussi, non è da trascurare il fatto che moltissimi pensionati sono ancora abituati a tenere i propri soldi nei libretti di risparmio postale o ad utilizzare il conto corrente di un familiare: anche per quanto riguarda questa abitudine, gli italiani sono primi in Europa, come rileva una recente indagine della Commissione Europea.

Ma oltre agli anziani, una grande fetta di italiani è sprovvista di conto corrente, come già accennato, per una diffidenza verso le banche, e per il timore che le spese di gestione del conto siano troppo elevate. "Un'accusa, quest'ultima, che gli istituti di credito respingono da sempre, ritenendo, tra le altre cose, che l'elevato costo sia da attribuire al livello di tassazione raggiunto in Italia - afferma Bortolussi -. Un peso che non è riscontrabile in nessun altro Paese d'Europa".

Analizzando i dati dell'elaborazione Cgia, ai livelli record italiani segue la Romania, con poco più di 9.860.000 persone "unbanked" (55% del totale dei rumeni over 15) e a ruota la Polonia, con poco meno di 9.700.000 cittadini (il 30% del totale over 15).

Ma il divario dell'Italia con i paesi omologhi è abissale: in Francia e nel Regno Unito i cittadini senza conto corrente sono poco più di 1 milione e mezzo (pari ad appena il 3% della popolazione in entrambi i paesi). E in Germania la soglia si abbassa addirittura al 2% del totale degli over 15.