La procedura per i piani di rientro della Ue, ha causato una forte recessione e una preoccupante disoccupazione, che a causa dell'aumento delle tasse, ha messo in ginocchio il bel Paese, ma una buona notizia arriva per i contribuenti italiani: dalla dichiarazione dei redditi, è possibile detrarre fino al 19% delle tasse.

Il quotidiano ha reso nota una lista di tutte le spese detraibili, ossia, "defiscalizzate", che potranno essere restituite dallo Stato ai contribuenti, dietro la presentazione regolamentare di ricevute e scontrini, che riguardano le spese mediche, le spese per gli asili nido, le spese per i prodotti assicurativi, le spese per le attività sportive dei figli a carico, il riscatto della laurea, le spese funebri, le spese veterinarie, le spese per i disabili, per le attività sportive, per gli interessi passivi e altro.

Le spese "defiscalizzate", detraibili al 19% riguardano tutte le spese mediche e sanitarie, che comprendono il rimorso dei medicinali e delle visite specialistiche, mentre le spese per i disabili possono essere detraibili in quattro quote annuali, fino a circa 19.000 mila euro per l'acquisto di attrezzature sanitarie.

Anche le spese per gli asili nido sia pubblici sia privati, potranno essere defiscalizzate, insieme alle spese veterinarie, in merito alle visite e ai medicinali fino a 387,34 euro, ma non finisce qui, infatti, il "tesoretto" che lo Stato dovrebbe restituire ai contribuenti, prevede anche la detrazione fino a 2.100 euro delle spese sostenute per le badanti, ovvero per l'assistenza alle persone non autosufficienti, se il reddito dell'assistito non è superiore ai 40 mila euro.

Inoltre, nel "tesoretto" che lo Stato dovrebbe restituire ai contribuenti, sono previste defiscalizzazioni anche per i prodotti assicurativi per un importo massimo di 1.291.14 euro, anche per le assicurazioni stipulate per familiari a carico; per le spese funebri è prevista la detrazione fino a un massimo di 1.549,37 euro, inoltre è prevista una detrazione di 4 mila euro sugli interessi passivi e gli oneri accessori del contratto di mutuo ipotecario per l'acquisto della prima casa.

Anche per le attività sportive, per i figli a carico minori di 18 anni, è prevista una defiscalizzazione per un importo massimo di 210 euro, e per finire è possibile detrarre le spese sostenute per l'istruzione secondaria e universitaria fino al 19%, e ottenere il riscatto della laurea se il figlio a carico è disoccupato.