Inps, Senza Pensioni è il titolo di un testo edito da Chiarelettere, che potrebbe fare luce sui tanti interrogativi che molti lavoratori e pensionati italiani si stanno ponendo, senza per ora ottenere chiare risposte ufficiali. Il futuro previdenziale dell'Italia sarà davvero "Senza Pensioni"?

Il testo, che consta di 192 pagine di approfondimenti e riflessioni, tratta infatti uno dei temi più cari agli italiani, le pensioni, troppo poco pare essere stato detto sul possibile collasso dell'Inps e le casse vuote del SuperInps dal 2015, cosa accadrà realmente ai milioni di lavoratori che hanno versato regolarmente i loro contributi?

Walter Passerini e Ignazio Marino affrontano l'argomento con precisione e minuzia di particolari, due giornalisti importanti, affrontano quella che loro definiscono "la vigilia della bomba previdenziale"; Passerini è giornalista specializzato in economia ed ha ideato e diretto "Corriere Lavoro", settimanale del "Corriere della Sera". Attualmente cura "Tuttolavoro", l'inserto de "La Stampa" dedicato all'economia e al lavoro. Ignazio Marino invece lavora presso la redazione di "Italia Oggi" e si è sempre occupato di previdenza.

Due fonti attendibili, purtroppo, visti i contenuti del libro, per non parlare della prefazione scritta da Tito Boeri, docente all'università Bocconi di Milano che è stato anche senior economist all'Ocse a Parigi e consulente di Banca Mondiale, Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale e Governo Italiano.

Tito Boeri nell'introduzione scrive: "Siamo giunti al capolinea di una situazione che è il prodotto dell'incoscienza e dell'irresponsabilità, siamo alla vigilia dello scoppio della bomba previdenziale e nessuno fa niente".

Il sottotitolo del testo è anch'esso evocativo della poca chiarezza fatta attualmente sull'argomento: "Tutto quello che dovete sapere del vostro futuro e che nessuno osa raccontarvi".

Siamo certi che in molti, preoccupati dell'attuale situazione, compreranno e leggeranno questo libro.