Di recente dalla Cassa Depositi e Prestiti è giunta la nuova emissione di Buoni Fruttiferi Postali: vediamo in una breve panoramica le varie opzioni disponibili, con rendimenti e scadenze.

Con la nuova emissione di Buoni Fruttiferi Postali, che come naturale possono essere sottoscritti presso gli innumerevoli uffici postali italiani dislocati sul territorio nazionale, troviamo l'opzione BFP 2 anni plus, che prevede un rendimento a 2 anni pari all'1,25% lordo, poi abbiamo il BFP FP3x4 che prevede un rendimento differente a seconda del periodo: i primi 3 anni il 2% poi a salire fino al 3% del 12mo anno.

La nuova emissione di Buoni Fruttiferi Postali prevede inoltre la serie S16 di BFP7insieme, che anno ha un rendimento pari a una quota della somma impegnata più un tasso fisso, la serie C04 di BFP ordinari, con scadenza a 20 anni e possibilità di rimborso anticipato, la serie R03, BFPRenditalia che durano fino a 5 anni con un tasso di rendimento che viene calcolato ogni 6 mesi, e che è pari a quello del BOT per l'asta del mese che ha preceduto il semestre di riferimento per il BFP, aumentato di uno spread di mezzo punto.

Continuiamo la nostra panoramica con la serie D41 di BFPDiciottomesi, con interessi annuali lordi ogni 6 mesi, lo 0,5 il primo semestre, lo 0,62 il secondo e lo 0,75 il terzo. E poi ancora abbiamo la serie J36, indicizzata all'inflazione italiana e la serie Z22, ovvero i buoni fruttiferi postali BFPDiciottomesi Plus, che rendono a differenza della serie D41 l'1% alla scadenza dell'anno e mezzo, ma senza interessi per rimborso anticipato delle somme.