Facciamo il punto della situazione per quel riguarda il forex, il mercato valutario attivo 24 ore su 24 da lunedì a venerdì, proponendo analisi e previsioni per euro, dollaro, sterlina e yen, le principali valute che vengono scambiate a coppie: siamo ormai a fine mese e dunque occorre tirare un po' le somme anche per capire come sviluppare le proprie strategie di trading per il mese di agosto.

Cominciamo ovviamente con l'euro-dollaro, il cross principale del forex, per il quale quella conclusasi venerdì 26 luglio è stata una settimana di alti e bassi: inizialmente poco mossa, poi con la diffusione di importanti dati macro la situazione si è evoluta; l'EUR/USD in alcuni momenti ha sfiorato quota 1,33 e comunque ha superato la soglia psicologica di 1,32 dando così sostanza a previsioni forex rialziste per l'immediato ma che per il prossimo periodo sono invece orientate alla vendita (cioè ad un indebolimento dell'euro sul dollaro, in coerenza con le attuali e prossime politiche monetarie di BCE e Fed). Per la settimana che si apre lunedì 29 luglio c'è chi consiglia uno stop loss intorno a 1,316/1,316.

Passiamo al cross GBP/USD, ovvero il "Cable" sterlina-dollaro: la sterlina sta discretamente tenendo sulla moneta statunitense ed i prezzi si mantengono sopra la soglia utile ad aprire una posizione; il GBP/USD ha chiuso la settimana del forex a quota 1,53764 ed ha superato un tentativo di ribasso: si prospetta ancora un trend di rialzo o quanto meno una certa lateralità intorno la quota di 1,53/1,54.

Passiamo ora allo yen giapponese, in particolare ai cross con il dollaro e la sterlina: sia il GBP/JPY che l'USD/JPY hanno segnato movimenti di ribasso abbastanza interessanti e che danno conferma a chi poco tempo fa aveva proposto previsioni forex di vendita, puntualmente avveratesi.

Nello specifico, la sterlina si indebolisce sullo yen e la chiusura di settimana è stata di 1,51033 per il GBP/JPY: gli analisti prevedono che il trend ribassista possa proseguire.

Stesso discorso per quel che riguarda lo USD/JPY, la cui chiusura di settimana è stata a quota 98,270, confermando il trend ribassista.