Conto corrente Widiba, come sarà il questo nuovo prodotto? Widiba è il nome della nuova banca online presentata qualche settimana fa dal gruppo MPS (Monte dei Paschi di Siena). Widiba è acronimo di WIse (saggio), DIalog (dialogo), internet Banking (banca digitale) e il nome della nuova banca, così come il logo, è stato creato tramite un concorso sui social network a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Anche questa prassi rientra nella nuova politica di MPS per attirare una clientela più giovane, social e digitale, promossa da Andrea Cardamone, manager responsabile del progetto, che ha già creato Webank per il gruppo BPM.

Widiba, come sarà il conto corrente?

Widiba è la nuova banca online che farà concorrenza ai vari YouBanking, Fineco, CheBanca!, IWBank, Webank, istituti che offrono conti correnti online a zero spese. La proposta del nuovo conto corrente dovrà quindi soddisfare esigenze di massima efficienza di fruibilità e operatività online ovviamente a costi zero o quasi.

Abbiamo detto che il responsabile del progetto è Andrea Cardamone, già creatore di Webank: il conto corrente Widiba assomiglierà quindi a quello di Webank? A grandi linee si può pensare di sì. Il conto Webank infatti presenta tutte le caratteristiche dei conti correnti online low cost: zero costi di apertura e zero canone annuo, zero costi di commissione per prelievi bancomat in Italia e in Europa e possibilità di avere una carta di credito sempre a costo zero. Unica spesa prevista l'imposta di bollo obbligatoria per legge a 34,20 euro.

Conto corrente Widiba, quando arriva?

La data di lancio di Widiba non è stata ancora fissata, ma è prevista per il prossimo semestre. La nuova banca online di MPS sarà uno dei pilastri fondamentali del piano quinquennale (2013-2017) che l'ad Fabrizio Viola ha recentemente presentato al cda con l'annuncio di una ricapitalizzazione da 2,5 miliardi di euro.

Widiba, una svolta rispetto alla banca tradizionale

Come detto Widiba è parte integrante del progetto di "ristrutturazione" di MPS che, secondo le previsioni, sarà costretta a tagliare sui costi chiudendo anche circa 100 filiali (con qualche migliaio di esuberi) e punterà un "nuovo business". "L'obiettivo - ha dichiarato giorni fa l'ad Fabrizio Viola - non è quello di ridurre i costi ma di entrare in un nuovo mercato dove ci sono logiche diverse rispetto alla banca tradizionale". Sapranno Widiba e MPS offrire un prodotto efficiente, economico e al passo coi tempi e con le esigenze dei risparmiatori?