Il cambio euro dollaro fa registrare una lieve flessione nella mattinata portandosi a quota 1,3783 al momento della scrittura, trovando supporto a quota 1,3764 e resistenza a 1,3883. Cambio euro dollaro che ha risentito dei dati sulla produzione industriale statunitense pubblicati ieri dalla Federal Reserve che segnano un aumento dello 0,6% contro un'aspettativa dello 0,4% e facendo segnare la crescita più rapida degli ultimi sette mesi.

Il cambio euro dollaro ha quindi subito una leggera spinta al ribasso sul mercato forex che si è però esaurita presto in virtù della cautela mostrata da parte degli investitori che attendono la riunione politica della Fed che si terrà nel corso della settimana. La Federal Reserve ha già dichiarato che non intende per il momento ridurre il suo programma di stimolo economico che prevede un acquisto mensile di 85 miliardi di asset e che una possibile diminuzione si avrà nel primo trimestre del 2014.

Il cambio nella giornata odierna subirà delle fluttuazioni, in vista del rilascio dell'indice di fiducia dei consumatori della zona euro, un indicatore economico importante che potrebbe portare volatilità sul mercato. Dal fronte americano si dovrebbero ricevere i dati sulle vendite al dettaglio e i dati sulla fiducia dei consumatori.

Cambio euro dollaro che sembra subire quel pullback che avevamo previsto e che offra un'ottima possibilità di acquisto. La sensazione è che il livello 1,40 sia ancora l'obbiettivo della major e che l'acquisto al formarsi di una candela di supporto sia la scelta senza dubbio migliore.