EUR/USD aumenta dello 0,10% portandosi a quota 1.3569 nel mercato forex. Il cambio Euro Dollaro conferma nuovamente le previsioni all'apertura del mercato asiatico questa mattina, il biglietto verde ormai perde terreno contro tutte le principali rivali sul mercato e gli investitori cercano un sicuro rifugio in valute alternative.

Si conferma essere lo stop delle attività di governo la principale causa della debolezza del dollaro mentre dal fronte europeo, la scorsa settimana, il Primo Ministro Italiano, Enrico Letta, sopravvive al voto di fiducia al parlamento dopo il passo indietro fatto dalla coalizione di Silvio Berlusconi. L'euro si è mantenuto stabile anche dopo le conferme della Banca Centrale di lasciare i tassi di interesse a quota 0,5%, scelta ampiamente prevista dagli investitori.

Gli esperti di previsioni forex non si aspettano grandi fluttuazioni del cambio questa settimana, l'unico indicatore importante verrà dato Martedì quando la Germania pubblicherà i dati ufficiali relativi alla produzione industriale. La situazione tedesca non è certo delle più rosee a livello politico e ormai il partito anti-europeista sembra avere i numeri per entrare in parlamento.

In conclusione, dopo aver raggiunto quota 1.3623, la scorsa settimana, il cambio sembrava aver perso parte della spinta verso l'alto accumulata difatti ripiegando in zona 1.3558, tuttavia il trend continua ad essere rialzista e sembra che EUR/USD sia destinato a toccare quota 1.3700, valore più alto da un'anno. I segnali però non sembrano essere così marcati quindi sono da preferirsi posizioni long a breve termine e, di gran lunga la scelta migliore, attendere fino a quando non ci saranno segnali chiari.