I tre nuovi libretti di Poste Italiane dedicati ai minori permettono di gestire in modo semplice e conveniente i propri risparmi. E' una formula di risparmio evolutivo che accompagna i ragazzi dalla nascita alla maggiore età, consentendo loro di gestire autonomamente le piccole spese quotidiane, senza mutare la loro caratteristica principale, ovvero quella di essere depositi a vista rimborsabili in qualsiasi momento.

Il primo libretto si chiama "Io cresco" e riguarda i minori da 0 a 12 anni. Consente ai genitori di accompagnare i propri figli nel mondo del risparmio. Il titolare del libretto, quindi, è il minore, ma le operazioni sono effettuate dai genitori.

Per i minori dai 12 ai 14 anni si può attivare il libretto "Io conosco" che, a differenza del primo, permette ai ragazzi di cominciare a versare e prelevare delle somme di denaro. Il minore dovrà rispettare il limite di 200 euro mensili sia per il versamento che per il prelievo, oltre al limite di 25 euro giornalieri nei prelievi, operazioni effettuabili anche con carta elettronica.

Infine con "Io capisco", dedicato agli adolescenti dai 14 ai 18 anni, i titolari gestiscono con sicurezza e semplicità le prime scelte di risparmio. I limiti mensili di versamento e di prelievo sono raddoppiati rispetto alla fascia precedente (400 euro) e il minore potrà prelevare al massimo 40 euro giornalieri.

Notevoli i vantaggi per chi sceglie questo tipo di investimento. Innanzitutto si evidenziano dei tassi di interesse più alti rispetto al libretto tradizionale (3,00%, tasso nominale annuo lordo), ma anche l'assenza di spese di apertura e gestione del libretto, nonché l'esenzione dall'imposta da bollo. Inoltre, i minori sono autonomi nella gestione del risparmio con la supervisione dei propri genitori e nei limiti prestabili contrattualmente.

Naturalmente il passaggio da una fascia all'altra avviene in maniera del tutto automatica, salvo recesso. Al compimento della maggiore età, gli intestatari diventano titolari di un Libretto postale ordinario.