Il prezzo dell'oro ha vissuto in questo ultimo anno un crollo tra un terzo ed un quarto del suo valore, anche se c'è da dire che era negli anni passati abbastanza alto, e le previsioni per il 2014 sulle quotazioni dell'oro sono all'insegna del pessimismo, tanto che ad esempio le banche d'affari J.P. Morgan e Goldman Sachs hanno tagliato le lotro stime sull'andamento dei prezzi. Vediamo dunque cosa prospettano gli esperti per quest'anno.

Ad esempio citiamo Louise Yamada, analista al Technical Research ed ex di Citigroup, secondo la quale ci potrebbe essere una riduzione del prezzo dell'oro di circa il 19/20%, facendo arrivare le quotazioni alla soglia psicologica dei 1000 euro all'oncia.

Anche Goldman Sachs fa delle previsioni negative: gli analisti della banca ritengono che l'oro scenderà a fine 2014 a quota 1050 dollari l'oncia.

Passando alle previsioni 2014 per le quotazioni dell'oro di J.P. Morgan, diciamo che vi è un po' più di ottimismo in quanto si ritiene il prezzo di 1263 dollari all'oncia sia il minimo a cui arriverà il metallo giallo nel 2014, ma è comunque una riduzione del 10% delle precedenti stime.

I motivi di questa discesa delle quotazioni sono diversi ad a tutti bisogna prestare attenzione per delle analisi che siano il più possibile in grado di prevedere l'andamento del prezzo dell'oro nel 2014, e tra questi bisogna citare in primis le azioni della Federal Reserve Bank, che influenzano l'andamento del dollaro nel mercato forex e di conseguenza tutta la finanza e la speculazione internazionali. Importanti poi anche la produzione di oro fisico, i destini delle grandi società produttrici, le politiche economiche di stati come India e Cina, tra i primi compratori di oro al mondo ma che ultimamente hanno deciso di porre un freno agli acquisti.