Gli italiani scelgono i migliori conti correnti fra i prodotti di Fineco, Hello Bank o CheBanca! per gestire i propri soldi e versare il proprio stipendio mensile. Tuttavia con la crisi economica la busta paga si è molto alleggerita e le famiglie hanno messo da parte sempre meno risparmi. I dati diffusi dal Fisco sulle dichiarazioni dei redditi degli italiani sono infatti impietosi: un lavoratore medio guadagna circa 1200 euro al mese e la disoccupazione ha toccato sempre più dipendenti ed ex imprenditori.

Il consiglio per i risparmiatori in generale è quello di scegliere i conti correnti più convenienti, ovvero con meno spese di gestione e l'home banking che permette di utilizzare i servizi online. Questi prodotti, infatti, permettono di accreditare il proprio stipendio o pensione, ma quanto può guadagnare un italiano medio? Secondo quanto dichiarato al Fisco non più 20 mila euro l'anno, per la precisione 19.750 euro, lordi ovviamente, il che significa circa 14.870 euro netti.

In pratica tolte le tasse agli italiani non rimangono neanche le lacrime per piangere. La ricchezza, infatti, è detenuta solo dal 5% dei contribuenti che dichiarano circa un quarto del reddito totale. Il 90% dei "comuni mortali" invece raggiunge al massimo 35.819 euro l'anno. I lavoratori più "fortunati" sono i professionisti autonomi e le partite Iva che dichiarano un reddito medio di 36.070 euro l'anno, mentre i dipendenti si fermano a 20.280 euro. I pensionati, invece, si devono accontentare di 15.780 euro.

La crisi economica, comunque, non ha demolito completamente i redditi che sono leggermente aumentati rispetto all'anno precedente (+0,5%). Le notizie più cattive vengono dai dati sulla disoccupazione che è cresciuta a dismisura tagliando migliaia di posti di lavoro nei diversi settori: rispetto alla rilevazione precedente, infatti, hanno perso l'occupazione circa 350 mila dipendenti e circa 32 mila imprenditori hanno chiuso l'attività. Oltre a questi, poi, ci sono anche 190 mila pensionati in meno, mentre aumentano di 128 mila unità i lavoratori autonomi.

Il lavoro autonomo, quindi, sembra essere il futuro per l'occupazione giovanile e non solo, ma come si distribuisce il reddito in Italia? Come è possibile immaginare le regioni a reddito più alto sono quelle del centro-nord con la Lombardia in testa alla classifica con 23.320 euro di media. A seguire troviamo il Lazio con 22.100 euro, mentre fanalino di coda la "povera" Calabria i cui abitanti dichiarano in media 14.170 euro.