Se volete aprire un conto corrente su internet l'offerta è ampia sul mercato e c'è solo l'imbarazzo della scelta fra i prodotti di Hello Bank!, Fineco, IWBank, Webank, CheBanca! e delle altre banche digitali. Ora, secondo alcune indiscrezioni diffuse dal Financial Times, anche il social network Facebook si starebbe preparando a diventare una banca o almeno a offrire ai propri utenti dei servizi finanziari di trasferimento del denaro. C'è da crederci?

Secondo quanto apparso su un articolo del Financial Times, Facebook diventerà una banca, è quasi sicuro. Mancano infatti poche settimane prima che vengano concesse al social network le autorizzazioni per un servizio di deposito virtuale del denaro. Se volete trovare un conto corrente conveniente su internet, quindi, presto potrete confrontare i tradizionali prodotti con quelli di FaceBank, un nome di fantasia che però già si legge su diversi articoli di importanti quotidiani.

FaceBank, la banca di Facebook, potrebbe dunque offrire presto ai propri clienti un conto corrente o comunque un portafoglio elettronico, tramite il quale trasferire denaro o effettuare pagamenti diretti. La sfida sarebbe dunque lanciata a servizi come Western Union, leader dei flussi finanziari fra diversi paesi. L'obiettivo di Zuckerberg, infatti, sarebbe di quello di approdare nei mercati emergenti come l'India che conta già circa 100 milioni di utenti sul social network.

Per sviluppare questo prodotto, sempre secondo le indiscrezioni del Financial Times, Facebook vorrebbe coinvolgere tre start up londinesi già attive nei servizi internazionali di trasferimento denaro. I nomi che si fanno sono quelli di TransferWise, Moni Technologies e Azimo. Proprio con Azimo, secondo i rumors, Zuckerberg starebbe trattando per convincere il co-fondatore a lavorare per la futura FaceBank: l'offerta sarebbe attorno ai 10 milioni di dollari.

Insomma dopo aver acquistato Instagram e Whatsapp per cifre record, Mark Zuckerberg non sembra aver intenzione di fermarsi e punta tutto sui servizi finanziari. L'idea promette bene se si guardano i dati del 2013: solo grazie ai giochi online, infatti, Facebook ha gestito una cifra come 2,1 miliardi di dollari di transazioni guadagnando il 30% dalle commissioni. Certo offrire un conto corrente o servizi di pagamento online è un'altra cosa: voi vi fidereste?