Utilizzare un conto corrente per la gestione dei risparmi è senz'altro la scelta più indicata per ciascun risparmiatore. Disporre di un conto bancario consente di gestire agevolmente ed in sicurezza il denaro senza contare i numerosi servizi aggiuntivi gratuiti a disposizione, dall'accredito dello stipendio alla possibilità di effettuare comode transazioni da casa per mezzo dell'Internet banking. Mettere i conti corrente più convenienti del momento a confronto è un'ottima strategia per individuare le opportunità del mercato più interessanti.

In ogni caso è bene considerare che la scelta ottimale è sempre quella che si adatta maggiormente alle singole esigenze di ciascuno. Valutando costi di gestione e condizioni contrattuali ciascun consumatore sarà in grado di confrontare Hello Bank e i suoi prodotti con ING Direct, We Bank e le altre principali banche. Vediamo di seguito tutti gli accorgimenti da adottare per risparmiare sul conto corrente.

Cambiare conto corrente conviene, la Banca d'Italia ha rivelato che i costi legati al conto corrente sono proporzionati alla sua età. Per risparmiare sul conto corrente e ridurre le spese fisse legate alla sua gestione scegliete le opportunità più recenti del mercato. Riuscirete a risparmiare decine di euro l'anno.

Prelevare al bancomat presso le filiali della propria banca permette di effettuare operazioni gratuitamente, al contrario le commissioni possono raggiungere i 2 euro ad operazione.

Numerose banche consentono ormai ai propri clienti di usufruire delle piattaforme di Internet banking, non si tratta solo di un servizio comodo e veloce, effettuare pagamenti di utenze, bonifici e così via è più conveniente per mezzo dell'home banking, senza contare che abbatterete il dispendio di tempo necessario per effettuare le medesime transazioni allo sportello bancario.

Non tutti sanno che ricevere a casa l'estratto conto comporta dei costi, richiedere l'ammontare delle spese on line vi farà risparmiare sulle spese di spedizione.

Evitate di portare il conto in rosso: con un saldo in negativo la banca potrebbe applicare commissioni particolarmente care. In caso di conto in negativo, i correntisti dovranno pagare tassi di interesse che possono superare anche il 20%.