La scelta del conto corrente richiede molteplici valutazioni. La prima regola per non commettere errori è mettere le offerte di conto corrente a confronto per essere sicuro di scegliere l'offerta più vantaggiosa tra le proposte presenti sul mercato. Vediamo passo per passo quali sono i consigli per scegliere il conto corrente giusto come riportato da Unione Nazionale dei Consumatori.

1) Verificare i costi

La verifica dei costi legati al conto corrente può essere effettuata esaminando l'Indicatore Sintetico di Costo (ISC). Questo indicatore che viene fornito al consumatore a fine anno nell'informativa periodica, contiene tutti i dati relativi alle spese da sostenere durante l'anno per la gestione del conto.

2) Prestare attenzione alla durata dell'offerta

Gli istituti bancari propongono una serie di offerte molto convenienti sui conti correnti però è molto importante informarsi sulla durata e sulla scadenza precisa dell'offerta perché le condizioni del conto corrente possono modificarsi.

3) Valutare l'idea di aprire un conto corrente online

I conti online permettono di risparmiare sul canone annuo e sulle altre spese di gestione del conto per questo potete scegliere di aprirne uno e di mettere le offerte di conto corrente online a confronto per scegliere l'offerta più consona alle vostre esigenze.

4) Informarsi sui costi richiesti per le operazioni allo sportello

Alcuni istituti bancari prevedono il pagamento di una commissione per ogni operazione effettuata.

DA LEGGERE: Conti correnti online a zero spese: le migliori offerte di gennaio

5) Non focalizzarsi esclusivamente sul tasso d'interesse

Non bisogna sopravvalutare l'importanza del tasso di interesse in quanto non è un parametro primario ai fini della valutazione della scelta del conto corrente. E' fondamentale concentrarsi non tanto sul tasso d'interesse ma piuttosto sulla gestione dei costi in quanto il conto corrente va aperto per gestire le proprie spese mensili, per mettere da parte liquidità e non deve essere considerato come un investimento soprattutto perché i tassi tendono a calare.

6) Fare attenzione a non portare il conto corrente in rosso

Andare in rosso con il conto corrente implica il pagamento di un tasso di interesse molto elevato nonché alte commissioni di istruttoria

7) Informarsi sui conti a consumo o a pacchetto

I costi di un conto corrente a consumo dipendono dal numero di operazioni che vengono effettuate del consumatore. Maggiore è il numero delle operazioni, maggiore l'ammontare dei costi.

I conti a pacchetto invece richiedono il pagamento di un canone e si dividono in conto corrente con franchigia e in conto corrente senza franchigia. Il conto corrente con franchigia prevede lo svolgimento di un numero limitato di operazioni incluse nel canone mensile. Il conto corrente senza franchigia consente lo svolgimento di un numero illimitato di operazioni. Nel caso specifico del conto corrente a pacchetto con franchigia, bisogna informarsi sul numero preciso di operazioni concesse e su quello che accade nel momento in cui si supera quel tetto di operazioni consentite.

8) Ricordarsi di chiudere i conti non utilizzati

Nel caso in cui abbiate più di un conto, e ne utilizziate soltanto uno chiudete tutti i conti inutilizzati

9) Fare l'estratto conto online

Conviene effettuare sempre su internet l'estratto conto in modo da essere certi di evitare qualsiasi costo. Per molte operazioni non è necessario infatti recarsi in banca. I siti online degli istituti consentono di effettuare molte operazioni da casa o dall'ufficio in tutta comodità dalla propria scrivania. Risparmierete sicuramente molto tempo.

10) Non confondere la carta di credito con il bancomat

Non utilizzare la carta di credito al posto del bancomat perché le commissioni sui pagamenti sono molto elevate.