Sulla scia delle turbolenze di mercato che nei giorni scorsi hanno investito la Deutsche Bank, l'istituto bancario tedesco annuncia di aver riacquistato un pacchetto di obbligazioni senior per tranquillizzare gli investitori e i clienti che hanno un conto corrente Deutsche Bank. Nel piatto ci sarebbe un ammontare di poco inferiore ai 5 miliardi di euro. Obiettivo del riacquisto, recuperare la fiducia nei mercati.

Ricordiamo che l'istituto bancario negli anni scorsi ha emesso in totale obbligazioni per un ammontare a quota 50 miliardi di euro. L'operazione era nell'aria da giorni e infatti aveva contribuito a spingere in lieve rialzo il titolo affondato nei giorni scorsi in Borsa.

Crisi Deutsche Bank, l'operazione di buyback

A spingere il titolo al ribasso erano stati gli insistenti rumors in merito alle difficoltà dell'istituto bancario a pagare le cedole delle obbligazioni subordinate e cioè gli Additional Tier 1, noti anche come CoCo bond che costituiscono la fetta di torta più rischiosa del debito che, in casi di impasse, può essere convertito in azioni.

DA LEGGERE: 10 consigli per scegliere il conto corrente giusto

Ora si teme che l'istituto non sia in grado di pagare cedole delle obbligazioni convertibili che finiscono in prima linea nel caso in cui si verifichi una situazione di bail-in.  L'operazione di buyback attualmente sotto i riflettori, che durerà venti giorni per i titoli e sette giorni per le obbligazioni, riguarda titoli fino a un massimo di due miliardi di euro e obbligazioni valutate in moneta europea fino a una quota massima di tre miliardi di euro.

Nel momento in cui la banca ha dato comunicazione del riacquisto ha annunciato di voler riconquistare la fiducia degli investitori e dei clienti che hanno un conto corrente in Deutsche Bank. Sono proprio loro che infatti negli ultimi anni sono stati messi a dura prova in quanto l'istituto aveva incassato una perdita oltre quota 6 miliardi di euro. Inoltre non bisogna dimenticare i numerosi scandali che hanno investito la banca costretta a pagare un ammontare ancora non definito di spese di multe alle Autorità

Nella stessa occasione la Deutsche Bank ha approfittato per annunciare di avere a disposizione liquidità al 31 dicembre 2015 pari a quota 215 miliardi di euro.

A supportare la tesi, è intervenuto il Ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble il quale ha tenuto a sottolineare che l'istituto bancario è robusto e ha quantità di capitale sufficienti a superare la crisi.