Sei alla ricerca di conto corrente ma non sai quanti tipi ce ne sono e quale di questi possa fare maggiormente al caso tuo? Ci pensiamo noi a spiegarti quali sono i conti correnti più diffusi cosicchè tu possa valutare quale tipologia si sposi perfettamente con le tue esigenze. Come prima cosa metti a confronto le offerte di conto corrente presenti sul mercato così da avere una prima infarinatura.

E ricorda che i costi dei conti correnti variano da istituto a istituto, e dipendono dalla quantità e dalla tipologia di servizi offerti, per questo è fondamentale valutare attentamente con quale istituto aprire il conto corrente. Inoltre se scegli di aprire un conto corrente online ottieni molti più vantaggi e soprattutto risparmi sul canone annuo.

E ora vediamo quali sono i conti correnti più diffusi.

Gli istituti bancari offrono differenti conti correnti ma sono quattro i più diffusi:

- Conto di base

- Conto ordinario

- Conto in convenzione

- Conto a pacchetto

1) Conto di Base

Il conto di base, per cui si corrisponde all'istituto bancario un canone annuo, si rivolge ai soggetti senza particolari esigenze finanziarie perché consente soltanto l'esecuzione di alcune operazioni. Anche i servizi offerti sono limitati e sono:

- Carta di debito

- Accredito dello stipendio

- Accredito della pensione

- Versamento di assegni bancari e circolari

- Prelievo e versamento di contanti

- Domiciliazione delle utenze domestiche

DA LEGGERE: Banche e conti correnti on line: una crescita senza precedenti

2) Conto ordinario

Il conto ordinario è un conto corrente a consumo i cui costi variano a seconda delle operazioni che vengono effettuate. Il costo annuo aumenta, all'aumentare delle operazioni effettuate. Viceversa decresce, al decrescere delle operazioni effettuate. Di conseguenza è intuibile che l'apertura di un conto corrente di questo tipo convenga soltanto a chi sappia prioritariamente di non effettuare molte operazioni altrimenti si rischia di fare salire di tanto le spese.

3) Conto in convenzione

Il conto in convenzione è un conto corrente che si potrebbe definire scontato in quanto la sua spesa annua è agevolata. Se appartieni a una determinata categoria in accordo con l'istituto bancario, pagherai un prezzo inferiore rispetto al costo di base del conto corrente.

4) Conti a pacchetto

I conti a pacchetto, dispone dei servizi del conto di base, ossia:

- Carta di debito

- Accredito dello stipendio

- Accredito della pensione

- Versamento di assegni bancari e circolari

- Prelievo e versamento di contanti

- Domiciliazione delle utenze domestiche

Inoltre, può comprendere molti altri servizi come ad esempio:

- Assicurazioni sul conto corrente

- Gestione del risparmio

- Cassette di sicurezza

Il conto corrente a pacchetto può essere di due tipologie:

- Conto a pacchetto con franchigia

- Conto a pacchetto senza franchigia

Nel caso di conto a pacchetto con franchigia, il costo mensile include un numero limitato di operazioni da svolgere gratuitamente. Nel caso di conto a pacchetto senza franchigia, le operazioni sono tutte gratuite.

Conti correnti: quali sono i costi da sostenere

I costi dei conti variano a seconda dell'istituto con cui apri il conto e dei servizi che offre. Però devi sapere che in generale il costo complessivo di un conto corrente comprende sia costi fissi che costi variabili. I costi fissi sono quelli che non dipendono dall'utilizzo che fai del conto e sono ad esempio il canone annuo, il costo delle carte di credito e di debito, imposte di bollo.

I costi variabili variano a seconda del numero di operazioni che effettui come ad esempio il numero di prelievi, il numero di incassi con assegno.