Sono molti i genitori che si chiedono se sia possibile aprire un conto corrente per minorenni, alla ricerca di uno strumento che possa semplificare il futuro dei propri figli. L'idea è infatti di depositarvi del denaro che possa poi essere usato per finanziare una parte del loro percorso di studi, aiutarli a costruirsi una propria vita autonoma o semplicemente per educarli alla gestione autonoma delle proprie finanze.

Per questo motivo la maggior parte delle banche ha inserito nella propria offerte dei prodotti di risparmio specifici per chi non ha ancora raggiunto la maggiore età. Si tratta ovviamente di soluzioni semplificate e a zero spese, che possono essere utilizzate a mo' di deposito o libretto di risparmio.

Vediamo quindi i conti correnti per bambini offerti dalle principali banche, ma non prima di aver fatto un piccolo ripasso generale su ciò che è bene sapere prima di aprire un conto per il proprio figlio.

Conto corrente per minorenni: cosa c'è da sapere?

Innanzitutto devi sapere che i conti correnti per giovanissimi si dividono in due tipologie in base alla fascia d'età interessata. Per i prodotti dedicati ai bambini tra 0 e 12 anni, poi, è più corretto parlare di libretti di risparmio, poiché non permettono di effettuare operazioni come incassi e pagamenti, ma semplicemente di depositare del denaro a costo zero percependo un tasso di interesse compreso tra l'1% e il 2,50%.

I prodotti dedicati ai ragazzi dai 12 ai 17 anni sono invece dei veri e propri conti correnti per minorenni, che permettono di effettuare pagamenti e di avere anche una prepagata abbinata, pur mantenendo un costo piuttosto ridotto.

In entrambi i casi, si tratta di strumenti utilissimi non solo per dare ai propri figli qualcosa di concreto da cui partire in futuro, ma anche e soprattutto per educarli a una gestione corretta e responsabile del denaro. Poter disporre e amministrare in (parziale) autonomia delle piccole somme, contribuirà infatti a renderli più consapevoli del valore dei soldi e del risparmio.

DA LEGGERE: Miglior conto deposito vincolato: con quale banca guadagni di più?

Migliori conti correnti per minorenni

Per i più piccini (0-11 anni), Banco Popolare offre Bruconto, un libretto di risparmio a costo zero e con un tasso creditore pari all'1,25% fino a 1.200 euro, dopodiché scende allo 0,25%. Per ogni 10 euro depositati si avrà diritto a 1 punto per partecipare alla Brucoraccolta, il programma a premi di Banco Popolare dedicato ai più piccoli.

Per i minori tra 0 e 12 anni UniCredit offre Genius Bimbi, il libretto di risparmio che non comporta spese di apertura o gestione. L'imposta di bollo è a carico della banca ed è possibile ottenere un tasso creditore dello 0,20% per depositi inferiori a 5.000 euro. Per i ragazzi tra i 13 e i 17 anni UniCredit ha pensato a Genius Teen, un conto di deposito gratuito che permette di avere anche una carta di debito, una prepagata e di effettuare versamenti e prelievi di contante presso gli sportelli atm.

UBI Banca propone invece il libretto di risparmio CLUBINO (0-12 anni), anch'esso senza spese e con possibilità di versare e ritirare somme in qualsiasi momento. Aprendo questo libretto è possibile inoltre partecipare all'operazione a premi, accumulando punti e convertendoli poi in regali scelti dal catalogo.

Un discorso a parte va fatto poi per due prodotti che non fanno distinzione tra la fascia di età 0-12 e 13-17 anni. Il primo è Libretto Flash di Intesa San Paolo, senza costi di apertura né canone annuo, utile per accreditarvi direttamente la paghetta e permettere ai ragazzi con più di 12 anni di gestire il denaro in autonomia, pur dando al genitore la possibilità di supervisionarne sempre i movimenti, comodamente online. La capienza massima è di 4.999 euro e il tasso di interesse è pari all'1% fisso.

L'altro prodotto è il Programma di Risparmio BNL Kids, che si compone di un conto corrente e di una polizza assicurativa, entrambi intestati al bambino. Il genitore può stabilire una soglia massima da mantenere sul conto, mentre l'eventuale eccedenza verrà canalizzata automaticamente nella polizza di mese in mese. Inoltre, è possibile avere anche una prepagata da intestare al minore.