Un conto deposito è un investimento completamente privo di rischi, adatto a tutti e semplice da aprire e gestire. È il modo migliore di ottenere un guadagno sui propri risparmi in tutta sicurezza, ideale quindi per chi non è un esperto di finanza e non vuole imbarcarsi in operazioni più complesse e dall'esito incerto.

Si tratta quindi di un prodotto che offre molti vantaggi, sebbene i rendimenti attuali non siano paragonabili a quelli applicati nel periodo pre-crisi. Ciononostante, in questo articolo vedremo perché investire in un conto deposito è ancora una buona idea, analizzando i pregi di questo prodotto bancario e le relative condizioni economiche.

Conto deposito: il miglior investimento per chi non vuole rischiare

Sebbene non sia possibile parlare in termini assoluti, possiamo dire che un conto deposito è il migliore investimento per chi è alla ricerca di un prodotto sicuro al 100% e che possa garantire comunque un certo rendimento.

Grazie alla protezione del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, i conti di risparmio sono completamente affidabili e sicuri, poiché anche in caso di fallimento della banca il Fondo garantirebbe il risarcimento di quanto depositato, per un massimo di 100mila euro per ciascun correntista.

Si tratta quindi di un investimento sicuro e adatto soprattutto a chi non ha grandi conoscenze finanziarie, ma vuole comunque far fruttare in qualche modo i propri risparmi.

Quanto rende un conto deposito?

La completa sicurezza ha però un costo, che si traduce in rendimenti piuttosto modesti. I conti deposito non sono un investimento particolarmente remunerativo, tuttavia possono andare più che bene per chi è alla ricerca di un modo sicuro e semplice di investire i propri risparmi.

La situazione poi è andata peggiorando negli ultimi anni: se prima della crisi era facile trovare conti deposito con rendimenti lordi fino al 4%, oggi è quasi impossibile trovare prodotti che superino il 2% lordo.

DA LEGGERE: Conto deposito con interessi più alti: chi offre i tassi migliori?

Come investire in conti deposito?

Aprire un conto deposito è molto semplice e, se sceglierai di affidarti a una banca online, potrai farlo via web in pochi minuti. Per prima cosa dovrai decidere quale tipologia di conto è più adatta alle tue esigenze, scegliendo tra:

  • conto deposito libero, che ti permette di ritirare le somme depositate in qualunque momento
  • conto deposito vincolato, che ti offre rendimenti più alti a fronte dell'impossibilità di prelevare le somme prima della scadenza del vincolo (3, 6, 12, 18, 24 o più mesi)

Se sei sicuro di poter fare a meno di una certa somma di denaro per un periodo anche lungo meglio puntare su un conto deposito vincolato, magari anche per due anni. In questo modo potrai massimizzare il guadagno, arrivando fino al 2% lordo.

Se al contrario pensi che quei soldi potrebbero servirti in caso di imprevisto, meglio rinunciare a qualche punto percentuale di rendimento in favore di un conto deposito libero, che ti garantisca la libertà di poter disporre del tuo denaro in qualunque momento.

A questo punto non ti resta che confrontare i conti deposito offerti dalla principali banche, analizzando rendimenti e condizioni fiscali. Per legge, sui depositi si paga infatti l'imposta di bollo dello 0,20% del saldo del conto, ma alcune banche scelgono di farsene carico al posto del cliente.

Per avere una panoramica di ciò che offrono le banche puoi utilizzare il nostro servizio di confronto conti: in pochi click potrai conoscere le condizioni dei principali prodotti presenti sul mercato e trovare più facilmente quello che meglio risponde alle tue esigenze.