Cos'è l'estratto conto? Se sei titolare di un conto corrente ti sarai sicuramente chiesto cos'è e a cosa serve il documento riepilogativo su tutte le operazioni effettuate sul tuo conto corrente. Ecco in dettaglio come si consulta e perché conviene tenerlo sempre sotto controllo.

Estratto conto: cos'è e come funziona

Se sei titolare di un conto corrente saprai sicuramente che esistono svariati modi per tenere sotto controllo tutte le operazioni che avvengono su di esso. Nonostante la maggior parte degli istituti bancari prevedono ormai il pieno controllo delle operazioni tramite le applicazioni mobile con anche l'aggiunta degli alert tramite SMS o email, è sempre bene ricordarsi che si ha a disposizione la possibilità di consultare il caro vecchio estratto conto.

Se non sai cos'è l'estratto conto, sappi che si tratta di un documento riepilogativo di tutte le operazioni effettuate sul tuo conto corrente. Inoltre, per garantire piena trasparenza fra l'istituto di credito e il cliente, tramite esso puoi anche controllare il dettaglio di tutte le operazioni bancarie.

Il documento viene normalmente spedito periodicamente a tutti i clienti anche se, ultimamente, vista la presenza di portali web sempre più completi, capita di non ricevere alcuna comunicazione. In queste situazioni è possibile fare espressamente richiesta di ricevere l'estratto conto anche in formato cartaceo. Nel caso in cui dovessero essere presenti delle inesattezze, errori od omissioni, hai la possibilità di inviare una contestazione scritta entro 60 giorni dalla ricevuta dell'estratto conto.

Per l'estratto conto relativo al periodo che si conclude il 31/12, al suo interno saranno presenti tutte le informazioni dettagliate su quelle che sono state le spese totali sostenute durante l'anno solare per la tenuta del conto corrente e per i servizi di gestione di liquidità e di pagamento. Tutti i costi sostenuti in relazione ad eventuali affidamenti e sconfinamenti vengono riportati separatamente.

Rispondendo quindi alla domanda su cosa sia un estratto conto, possiamo riassumere che si tratta di un documento riepilogativo scritto in maniera chiara e leggibile per consentire al correntista di verificare esattamente i dati contenuti in esso.

DA LEGGERE: Bollo su conto corrente: cos'è e quali banche non lo prevedono

Come leggere l'estratto conto

Con un poco di dimestichezza ed esperienza, l'estratto conto può fornire informazioni davvero utili sull'andamento del tuo conto corrente. Su di esso, divisi per categoria, sono infatti riportate in dettaglio tutte le operazioni effettuate. Quindi, oltre a servirti come memorandum di quali operazioni hai effettuato, ti permette anche di individuare rapidamente verso quali categorie hai speso del capitale.

Inoltre, nell'ambito della nuova disciplina sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari, la Banca d'Italia ha previsto l'obbligo per gli intermediari di riportare nei fogli informativi (vedi l'estratto conto) di fine anno un "indicatore sintetico di costo" o ISC. In sintesi questo valore ti permette di confrontare il costo dei conti correnti della banca per diversi profili di operatività.

Nel caso del tuo estratto conto, avrai modo di confrontare il valore delle spese sostenute con l'ISC in modo di avere piena libertà di verificare la presenza di servizi più adatti alle tue esigenze.