Verificare il valore buoni postali: come fare? Se sei intestatario di un conto deposito di questo tipo vorrai di certo sapere, a distanza di anni, a quanto ammonta l'importo del tuo buono fruttifero postale, che tu o magari qualche tuo parente ha depositato su un conto postale anni fa. Ebbene, oggi, grazie ad Internet, c'è un metodo semplice ed efficace per effettuare la verifica valore buoni postali.

Verifica valore buoni postali: come funzionano i buoni fruttiferi

Un buono fruttifero è un investimento tra i più sicuri e tra i più utilizzati in passato. Questo permetteva di depositare un importo prestabilito oppure e libero su un conto deposito bancario, vincolando il proprio denaro senza dunque avere la possibilità di riscuoterlo o "toccarlo" in alcun modo per un periodo di tempo prestabilito. Esistevano diversi tipi di buono fruttifero postale: il più popolare era il buono ordinario (serie Q), dal valore di un milione delle vecchie lire, con scadenze decennali.

Ogni buono fruttifero postale aveva apposto sul retro del proprio titolo una tabella con un'indicazione dei tassi d'interesse che avrebbero fatto fruttare l'investimento nel corso degli anni. È bene sapere che nel corso del 1986 il Ministero del Tesoro ha modificato i tassi d'interesse per cui se il proprio titolo risulta essere antecedente a quella data i tassi d'interesse potrebbero non risultare corrispondenti a quelli indicati.

DA LEGGERE: Buoni fruttiferi postali: rendimenti non molto elevati ma sicuri

Come verificare l'importo?

Per effettuare la verifica valore buoni postali bisogna dapprima conoscere la tipologia di buono fruttifero di cui si è intestatario, in modo tale da capire fin da subito le dinamiche che regolano ogni tipologia di buono fruttifero in circolazione. Innanzitutto devi conoscere alcune caratteristiche base del tuo buono fruttifero, come:

· la tipologia,

· la data di emissione;

· la data di rimborso, ovvero il giorno prestabilito per poter finalmente re-incassare il proprio buono fruttifero, compreso di tutti gli interessi maturati negli anni.

Trovi tutte queste informazioni sulla tua copia del buono, che devi avere obbligatoriamente con te per poter incassare il buono.

Sappi che puoi incassare qualsiasi buono fruttifero fino a 5 anni dalla data di rimborso indicata su di esso. Ovviamente in quei cinque anni non maturerai ulteriori interessi, ma il tuo buono postale rimarrà disponibile al rimborso. Ricorda comunque di ritirare il tuo buono entro il tempo limite previsto, altrimenti questo andrà in prescrizione e non ti rimarrà altro che un quadretto da appendere sulle pareti di casa.

Per verificare il valore del nostro titolo, a questo punto, non ti resta che collegarti al sito ufficiale del tuo istituto dove hai stipulato questo investimento – in questo caso Poste Italiane - e navigare nei menù fino a trovare la pagina dedicata al calcolo del valore dei buoni fruttiferi.

Qui devi inserire le informazioni indicate più in alto: tipologia del buono, giorno della stipulazione e giorno del rimborso indicati sul titolo. Premi sul pulsante "Calcola" e il sistema ti restituirà l'importo che ti spetta. A questo punto non manca altro che recarti in posta per ottenere il rimborso del tuo titolo. Ricorda sempre che questo potrebbe essere inferiore al valore indicato, in quanto i tassi d'interesse potrebbero essere cambiati nel tempo.