Il conto corrente è la soluzione più intelligente per mettere da parte uno stipendio o una pensione. In questo articolo ti spieghiamo come aprire un conto in banca, perché dovresti farlo e quali documenti devi presentare al fine di raggiungere il tuo obiettivo.

Perché aprire un conto in banca?

Oggigiorno vivere senza un conto corrente è quasi impossibile. Addirittura le banche mettono a disposizione dei conti correnti ad hoc anche per i più piccoli - ovviamente sotto la supervisione di un adulto -, al fine di mettere da parte qualche soldo e di vederlo fruttare per poi avere un piccolo gruzzolo da utilizzare autonomamente al raggiungimento della maggiore età.

Nonostante sia un qualcosa entrato nella vita di tutti i giorni, spesso capita di chiedersi quali sono i vantaggi di un conto corrente o addirittura come aprire un conto in banca. Banalmente un conto corrente è un luogo "virtuale", se così si può dire, dove è possibile gestire i propri soldi. Si tratta di un vantaggio estremamente importante e che ti permette di evitare il trasporto di grandi quantità di denaro contante.

In aggiunta, non vanno dimenticati i grandi vantaggi "secondari" derivanti dall'essere titolari di un conto corrente bancario. Come non citare la domiciliazione delle bollette, ovvero la possibilità di dare il permesso a varie aziende di prelevare autonomamente dal tuo conto corrente la somma per pagare le utenze, l'emissione di assegni, l'utilizzo di carte Bancomat, carte di credito oppure le operazione di internet banking tramite computer o smartphone.

Ogni banca propone dei pacchetti di offerte molto diversi per quanto riguarda i conti correnti, ma in sostanza sono questi i vantaggi standard di questi prodotti. In base alle tue necessità, devi anche prendere in considerazione il tipo di conto: esistono infatti diverse tipologie di conti ed ognuno serve una particolare fascia di utenti. I conti ordinari (o conti a consumo) hanno spese direttamente correlate al numero di operazioni effettuate; i conti correnti a pacchetto offrono invece una serie di operazioni bancarie a fronte del pagamento di un canone mensile.

DA LEGGERE: Imposta di bollo sul Conto Arancio: in quali casi si paga?

Documenti necessari per l'apertura del conto corrente

Una volta scelto l'istituto bancario e quale tipologia di conto corrente aprire, per finalizzare l'apertura dovrai presentare alcuni documenti. È innanzitutto necessario recarsi in filiale (a meno che tu abbia scelto una banca online) portando con te i seguenti documenti, assicurandoti che siano validi e non scaduti: codice fiscale e documento di identità in corso di validità (va bene la carta di identità, patente, passaporto, ecc.).

Al momento della sottoscrizione verrà portato alla tua attenzione un questionario utile a tracciare il profilo nell'ambito della normativa antiriciclaggio. È consigliabile rispondere con attenzione e cautela alle domande presenti nel questionario al fine di permettere alla banca di profilare correttamente la tua posizione.

Fatto ciò potrai procedere all'apertura del conto, senza ulteriori indugi. Se hai scelto una banca online, l'intera operazione avverrà via web, ma potrebbe essere necessario stampare e spedire alla sede centrale il contratto firmato. Una volta che il conto sarà attivo, potrai iniziare subito ad effettuare operazioni, agli sportelli o tramite il web.