Sei titolare di un conto corrente di cui non hai più bisogno? I questo articolo ti spieghiamo nel dettaglio come richiedere l'estinzione del conto corrente che non ti serve più. Vediamo subito quali sono le modalità corrette per effettuare questa procedura e chiudere definitivamente un conto.

Estinzione conto corrente: di cosa si tratta?

Il conto corrente non è decisamente una di quelle cose che possono durare per sempre. Nonostante le banche siano sempre intenzionate ad offrire i migliori vantaggi per intercettare l'interesse di nuovi clienti e accontentare quelli già presenti, resta costante la probabilità che, prima o poi, qualcuno abbia intenzione di richiedere l'estinzione del conto corrente.

Rispetto a qualche anno fa, chiudere un conto non è più qualcosa di così complicato. In passato capitava spesso di andare incontro a delle penali di una certa entità; queste erano pensate proprio per scoraggiare il cliente dal richiedere l'estinzione del proprio conto. Le cose sono però cambiate a seguito della Legge Bersani sulla libera concorrenza e sulla tutela dei consumatori.

Oggigiorno è infatti possibile chiudere un conto in qualsiasi momento, senza incorrere in more o penali e senza dare spiegazioni.

DA LEGGERE: Imposta di bollo sul Conto Arancio: in quali casi si paga?

Come estinguere il conto corrente?

In base al tipo di operazione che vuoi fare, esistono diverse pratiche da sbrigare a cui prestare attenzione. Nel caso in cui tu voglia chiudere un conto in modo definitivo, la prassi prevede che tu spedisca una raccomandata con ricevuta di ritorno all'istituto di credito presso cui hai aperto il conto corrente.

In questo caso è bene prestare particolari attenzione a non avere pratiche aperte sul conto corrente quali carichi pendenti, assegni non ancora incassati e quant'altro. Una volta presa la decisione di chiudere il conto per sempre, sarà ovviamente necessario consegnare tutti i metodi di pagamento associati ad esso: carte di credito, carte bancomat, carnet assegni e quant'altro.

Se nella tua città di residenza è presente una filiale dell'istituto di credito a cui fa riferimento il tuo corrente, puoi semplicemente recarti in loco per fare la richiesta di chiusura del conto. In sede sarai assistito da un operatore che ti sottoporrà tutta la documentazione necessaria per procedere all'estinzione del conto. Potrai prelevare il contante presente sul conto e decidere se lasciare una piccola quota per far fronte alle ultime spese di gestione dello stesso (canone, bollo e quant'altro); la parte restante ti verrà recapitata tramite assegno al tuo domicilio.

Per quanto riguarda i tempi di chiusura, essi dipendono sostanzialmente dalla natura stessa del conto corrente. Se ad esempio sono presenti domiciliazioni delle utenze, dossier titoli, diversi metodi di pagamento, i tempi saranno evidentemente più lunghi. Mediamente, però, l'estinzione di un conto corrente non impiega più di 15 giorni arrivando a meno di una settimana lavorativa nei casi più semplici.