Desideri effettuare il trasloco del conto corrente perché non sei più soddisfatto della tua banca o semplicemente perché hai adocchiato un'offerta migliore che potrebbe fare proprio al caso tuo? Devi sapere che trasferire il tuo conto corrente da una banca all'altra è un procedimento molto semplice, quasi un gioco da ragazzi. Basta infatti compilare determinati moduli per "passare" alla nuova banca l'intero servizio, compreso di eventuali addebiti e prestiti ancora in corso. In questo articolo andiamo dunque ad offrirti una panoramica sul procedimento necessario per cambiare il tuo conto corrente, trasferendolo presso un'altra banca.

Trasloco conto corrente: qualche piccolo accorgimento

Effettuare il trasloco del conto corrente, come abbiamo detto, è molto semplice. Se tra i vari depliant e offerte Web delle numerose banche in circolazione hai adocchiato una nuova offerta che pensi possa fare davvero al caso tuo, allora sappi che puoi trasferire il tuo conto corrente alla nuova banca in men che non si dica, con i dovuti accorgimenti.

Solitamente il procedimento di trasferimento del conto corrente è molto semplice, tuttavia talvolta potrebbero esserci delle piccole complicazioni da affrontare per verificare la fattibilità dell'operazione. Se, ad esempio, sei intestatario di un determinato prestito oppure detieni delle carte di credito che vorresti mantenere, dovrai prima accordarti con la nuova banca sulla possibilità di effettuare tutto ciò.

Lo stesso discorso vale se hai richiesto la domiciliazione bancaria delle utenze e ti vengono quindi addebitati direttamente sul conto corrente eventuali bollette, stipendi o quant'altro: prima di chiudere il vecchio conto corrente dovrai avvisare i fornitori di tali servizi del cambio delle tue credenziali, in modo tale da non vedere le tue forniture interrotte per un mero malinteso. È dunque consigliabile pagare di persona eventuali servizi di fornitura come possono essere quella elettrica o telefonica, avvisando immediatamente il fornitore del cambio di coordinate bancarie, in modo tale che queste possano ricevere i futuri addebiti già a partire dal prossimo. Insomma, un consiglio generale è quello di non chiudere mai il vecchio conto corrente prima di aver aperto quello nuovo.

DA LEGGERE: Come aprire un conto corrente in banca?

Come funziona il trasferimento del conto corrente?

La procedura per l'attivazione del nuovo conto corrente con conseguente trasferimento di quello vecchio è molto semplice. Basta prendere un appuntamento con la filiale della banca da te selezionata più vicina a casa tua e portare con te la documentazione necessaria al trasferimento dei servizi collegati al vecchio conto su quello nuovo. Devi dunque portare con te un documento d'identità, tutti i blocchetti di assegni non utilizzati sul vecchio conto corrente, eventuali carte di credito o bancomat collegate al precedente conto e i vecchi estratti conto in tuo possesso, dai quali è possibile ricollegarsi a tutti i pagamenti una volta addebitati sul vecchio conto corrente, utili per richiedere poi la trasferibilità dei bonifici sulle nuove coordinate bancarie.

Se sei solito farti addebitare spese sul tuo conto corrente, o se semplicemente percepisci uno stipendio o una pensione sullo stesso, nella stessa sede dovrai richiedere la trasferibilità dei bonifici, un procedimento gratuito che provvederà a comunicare a datori di lavoro oppure all'INPS le nuove coordinate su cui accreditare i bonifici. Allo stesso modo è possibile richiedere la "Trasferibilità del RID", utile a riconfigurare le utenze domestiche sul proprio conto, comunicando ai fornitori le nuove coordinate bancarie.