Un conto corrente presenta molti strumenti utili per gestire il proprio denaro ed effettuare transazioni, primo fra tutti il bancomat o carta di debito. Ma come ci si deve comportare all'estero? L'articolo di oggi è rivolto in particolar modo ai titolari di Conto Corrente Arancio che stanno pianificando un viaggio fuori dall'Italia. Vedremo infatti nel dettaglio come funziona il Bancomat ING Direct all'estero e su quali circuiti permette di operare per quanto riguarda i tuoi prelievi e pagamenti al di fuori dell'Italia.

Bancomat ING Direct all'estero: come funziona?

Prima di scoprire le effettive possibilità della carta Bancomat ING Direct all'estero, è bene fare alcune precisazioni che potrebbero far sorgere alcune difficoltà nel momento in cui avrai la necessità di effettuare operazioni al di fuori del nostro Paese. Nel senso proprio del termine, infatti, una carta Bancomat opera unicamente sul circuito nazionale PagoBancomat e in questo senso non permette di effettuare operazioni all'estero, in quanto non supportato dagli sportelli automatici al di fuori dell'Italia.

Una volta appurata questa questione, la carta Bancomat ING Direct concessa ai titolari di Conto Corrente Arancio, fortunatamente, non è legata in maniera specifica al circuito PagoBancomat, in quanto tutte le carte prepagate e le carte a debito sono state recentemente aggiornate al circuito internazionale VPay, gestito da Visa. Con il circuito VPay, oltre ad alcuni vantaggi molto interessanti quali la possibilità di effettuare pagamenti online nonostante si tratti di un classico bancomat, è inoltre possibile effettuare prelievi e pagamenti anche all'estero, sia in paesi europei sia in nazioni al di fuori dell'Europa.

Ovviamente, per quanto il circuito su cui operano le nuove carte di ING Direct sia sempre in maggiore diffusione, è comunque necessario che gli sportelli ATM o gli esercizi presso cui intendi effettuare un'operazione con la tua carta riportino il logo per il supporto a VPay.

DA LEGGERE: Bancomat V Pay di ING Direct: tutto quello che c'è da sapere

Bancomat ING Direct all'estero: costi e commissioni

Un'altra questione importante per quanto riguarda le possibilità di prelievo e pagamento all'estero è rappresentata dalle commissioni sulle operazioni applicate alla tua carta. In questo senso, le carte VPay di ING Direct permettono di prelevare contante da tutti gli sportelli automatici abilitati a questo tipo di circuito in maniera del tutto gratuita in tutti i paesi europei, anche in caso la valuta locale sia differente dall'Euro. Lo stesso discorso si applica anche ai pagamenti, privi di commissioni presso tutti gli esercenti che espongono il marchio VPay tra i metodi di pagamento accettati.

Discorso diverso, invece, per quanto riguarda le nazioni al di fuori del continente europeo. In questo caso specifico, non è più necessario fare riferimento al circuito VPay, ma sono supportati tutti gli sportelli - almeno per quanto riguarda il prelievo - che possono operare sul circuito Visa. Tuttavia, per questo tipo di operazione sei obbligato ad attivare l'opzione Mondo sulla tua carta, al costo di 10 euro una tantum, e di specificare l'area geografica in cui ti devi recare ed il periodo stimato di permanenza.

Per quanto riguarda le commissioni su pagamenti e prelievi, in entrambi i casi viene applicata una maggiorazione del 2% sul tasso di cambio, mentre per i prelievi di contante dagli ATM è prevista un'ulteriore commissione di 2 euro sull'operazione.